Approfondimenti

2 gennaio 2018

Jumanji – Benvenuti nella giungla e nel 2018!

di Silvia Pegurri
Continua a leggere

Ormai Jumanji fa parte dell’infanzia di tutti. Chi non si ricorda dello spaventoso gioco che ha catapultato nel 1995 Robin Williams in un mondo selvaggio e pieno di pericoli?

Ebbene sì, sta per tornare, ma non nel modo in cui ci aspettavamo. Quello che una volta era un gioco da tavolo si è modernizzato ed è diventato un videogioco.

La novità è stata accolta da un misto di reazioni, alcune entusiaste per questo cambio, mentre altre inferocite. Non è mancato chi ha cominciando ad argomentare sul perché l’originale sia nettamente migliore ancora prima che Jumanji – Benvenuti nella giungla sia uscito.

Ma quali saranno i cambiamenti? Resterà ancora qualcosa della trama originale?

I personaggi principali non saranno più Alan Parrish (Robin Williams), Sarah Whittle (Bonnie Hunt), Peter e Judy Sheperd (Bradley Pierce e Kristen Dunst), bensì gli adolescenti Spencer Gilpin (Dwayne Johnson/Alex Wolff), Anthony Johnson (Kevin Hart/Ser’Darius Blain), Bethany Walker (Jack Black/Madison Iseman) e Martha Kaply (Karen Gillan/Morgan Turner).

Il gioco, inizialmente presentato come un gioco da tavola come nel film originale, cambierà improvvisamente forma per diventare un videogioco e quindi attirare di più l’attenzione dei giovani sempre più attratti dalle nuove tecnologie. Non è quindi un semplice remake, ma un vero e proprio sequel che cerca di continuare la storia di Alan Parrish, che molti credevano finita.

Anche l’ambientazione cambia, se nella prima pellicola era Jumanji a entrare nel nostro mondo, questa volta è il nostro mondo ad entrare a Jumanji. I protagonisti verranno risucchiati dentro il videogioco diventandone giocatori. Bethany, una bellissima e popolare ragazza, diventerà un baso e grasso uomo di mezza età. Martha, chiusa e timida, una bellissima (e poco vestita) donna, mentre Fridge diventerà uno zoologo molto basso e Spencer, il nerd della situazione, un uomo alto, muscoloso ed atletico.

I dadi quindi lasceranno il posto ai joystick, le caselle agli avatar e i bambini agli adolescenti. Che sia una mossa vincente? Molti sono cresciuti guardando il Jumanjii originale, con la sua storia avvincente e a tratti spaventosa. Cambiare l’originale ha scatenato molte controversie, ma le critiche in America sembrano positive, grazie a un cast eccellente e a quanto pare una trama che riesce a coinvolgere sia gli appassionati della storia originale che i neofiti.

E voi? Andrete a vederlo?